venerdì 17 maggio 2013

Lavorare a maglia come terapia


Ho appena terminato di leggere questo bel romanzo che narra di donne e di lavoro a maglia.
La protagonista, Mary Baxter,  è una donna schiacciata dal dolore per la perdita della figlioletta, a causa di una improvvisa e letale malattia. Su suggerimento della madre comincia a frequentare un club di knitters e piano piano comincia ad apprendere l'abc della maglia. Nello stesso tempo, pur restando chiusa nel suo dolore, comincia a conoscere le vicende delle altre frequentatrici, spesso altrettanto tragiche della sua e,  tra il ticchettio dei ferri e il dipanarsi dei gomitoli cominceranno a sciogliersi anche i nodi dell'anima..
Se volete saperne di più ecco la trama  - dalla seconda di copertina -


Senza nessuno cui dedicarle, le parole sono vuote e inutili. Come vuota e inutile è ormai la vita di Mary Baxter, una brillante giornalista che ha visto il filo della sua esistenza spezzarsi un maledetto giorno di primavera. Tuttavia, con un matrimonio sull’orlo del fallimento e un lavoro che ha perso ogni significato, Mary sorprende per prima se stessa quando decide di seguire l’unico consiglio che le ha dato la madre per superare il dolore: iscriversi a un corso di lavoro a maglia. Scettica ma allo stesso tempo incuriosita, Mary inizia quindi a frequentare la merceria di Alice – una premurosa e saggia vecchietta – dove cinque donne si ritrovano ogni mercoledì sera per creare sciarpe, maglioni, cappellini e calzini. Così, col passare delle settimane, si instaura un profondo rapporto di intimità e amicizia tra Mary e le componenti del «club», che durante le sedute le raccontano il proprio passato. Come Scarlet, che ha deciso di aprire una panetteria dopo aver perso l’amore; o Beth, madre di quattro figli, che si porta dietro un grande rimpianto; e poi Lulu, Ellen, Harriet, ognuna con la sua storia e i suoi segreti, le gioie e le delusioni, i successi e i fallimenti… E saranno proprio quelle donne e la serenità trasmessa dal lavoro a maglia ad aiutare Mary a capire che è sempre possibile uscire dal guscio in cui ci rinchiudiamo, per aprirci di nuovo alla vita e all’amore. 

Qui  un intervista con l'autrice Ann Hood      e    qui     un'anteprima del libro.

Mentre procedevo nella lettura mi sono resa conto che è da un sacco di tempo che non prendo in mano un lavoro a maglia...quasi quasi mi sento in colpa! Ma io sono così, vado un po' a periodi, però se trovassi un gruppo di sferruzzatrici vicino a casa..magari mi tornerebbe la voglia!
Buon fine settimana!!


23 commenti:

  1. ciao Carmen!
    Credo che tutte siamo così ...a fasi alterne!
    Oggi va il cucito,domani la cucina e dopo il ricamo.
    La vita è bella perchè varia,no?
    Baci

    RispondiElimina
  2. Cara Carmen, avevo cercato di fare un commento, ma dubito che sia andato a buon fine!!!
    Comunque confermo che è un bel racconto, e credo che tu ti sia sentita coinvolta.
    Ciao e buon fine settimana, amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. lavorare a maglia e all'uncinetto alla fine possono procurare gli stessi effetti no? mi sa che lo devo leggere questo libro :-)

    RispondiElimina
  4. Riprenderai, con la maglia...siamo così, si va a tratti! ;) Buon we. Carmen. Un abbraccio. NI

    RispondiElimina
  5. Guardando nei vari blog d'oltremanica sono quasi invidiosa di come da loro ci siano tanti posti dove andare a sferruzzare in compagnia e bere un buon cappuccio.Chissà prima o poi indagherò qui a Milano, penso ce ne siano ma non li ho mai cercati! E poi sono pigra a uscire la sera: mi godo la mia famiglia e spesso mi addormento sul divano!
    Ciao
    Isabella

    RispondiElimina
  6. Sai, anche per me è passato davvero tanto tempo.

    E' ora di tirare fuori i ferri!

    Grazie per il consiglio e grazie della visita Carmen

    RispondiElimina
  7. Io sono testimone di una realtà simile alla vicenda del romanzo. Vado a scuola di ricamo da tempo e ho incontrato una donna che ha perso in un incidente un figlio di 20 anni. Stando tutte insieme, parlando di tutto sta tornando pian piano ad interessarsi della vita, noi ne siamo tanto orgogliose. Un abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
  8. Avevo sentito parlare di questo
    libro,picerebbe anche a me avere
    un posto dove "sferruzzare in compagnia".

    RispondiElimina
  9. Ciao Carmen, avevo sentito parlare
    di questo libro,sarebbe bello avere un posto dove sferruzzare insieme.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  10. anche io avevo allentato, poi da un paio di anni ho almeno due lavori insieme a maglia, uno piu' complicato da fare in casa e l'altro piu' semplice, da portarmi dietro, e comunque fai un passo da Ravelry, un magnifico calderone di gruppi sparsi nel mondo, passa dal Kal from Italy e troverai tanti gruppi che lavorano insieme allo stesso progetto, cambiando mensilmente, ci si aiuta anche a capire schemi in inglese.
    sicuramente un gruppo nella citta' puo' essere piu' stimolante, ma anche online si fanno tante cose

    RispondiElimina
  11. Latrama è un pò triste, ma la funzione terapeutica della creatività,non si discute.Certe volte vorrei anche io avere delle amiche crafters vicino a me, ma sono tutte lontane, xò mi aiutano lo stesso.
    Grazie per i consigli
    Maddalena

    RispondiElimina
  12. Mi sembra affascinante la trama....
    Penso che senza dubbio fare qualcosa, creare ai ferri o con qualunque altra cosa sia molto terapeutico...aiuta lo spirito e il corpo. Sferruzzare in compagnia è poi una cosa carina: scambiarsi idee o punti nuovi, oltre a fare quattro chiacchiere è indubbiamente molto simpatico . Se eravamo vicine, tante di noi, chissà che bei pomeriggi avremmo passato insieme.
    Ciao Carmen, un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. Cara Carmen, il lavoro a maglia e uncinetto è stato terapeutico per affrontare il dolore di un aborto che ho subito pochi mesi dopo il matrimonio. Il primo figlio è arrivato a distanza di tre anni ...
    ho creato molto, quindi.
    I libri che leggi sono sempre interessanti e stimolanti. Un abbraccio forte.
    Felice fine settimana.

    RispondiElimina
  14. Come è vero il titolo del tuo post! Anche per me lavorare all'uncinetto (perché a maglia non ne sono capace) aiuta a liberarmi dallo stress! Grazie per la segnalazione del libro! Dani

    RispondiElimina
  15. ciao bilibi, grazie per la recensione di quest libro, buttarsi in qualcosa di creativo serve per distrarsi e ritrovare lo spirito per andare avanti, ciao grazie buon week end a presto rosa.))

    RispondiElimina
  16. Cara Carmen, devo prendere questo libro...Io adoro lavorare a maglia e credo fermamente che sia terapeutico, come forse altre forme di creatività o lavori a mano. Ti da la sensazione che inizi e finisci un lavoro, che non tutto è inutile e che qualche cosa si è riuscite a concludere di positivo. Un abbraccio e grazie per la dritta.

    RispondiElimina
  17. lavorare a maglia e uncinetto andava moltissimo di moda negli anni Ottanta per cui, io e la mia migliore amica, adolescenti, spesso sferruzzavamo insieme, mentre la mamma ogni tanto ci dava qualche consiglio...te le immagini le diciassettenni di adesso, a sferruzzare sciarpe e maglioni? invece penso che sia davvero un'ottima terapia, rilassa molto, e con un po' di pratica si possono fare delle cose molte carine. L'unica cosa negativa, di questi tempi, è il costo dei materiali, secondo me eccessivo: alla fine conviene comprarseli già fatti!

    RispondiElimina
  18. Ho lavorato a maglia per anni in maniera compulsiva, poi di botto ho smesso e ho dato via tutta la lana! Come te mi piacerebbe ricominciare creando un club della maglia, ma è solo un sogno!...e poi prima devo andare in pensione!

    RispondiElimina
  19. lo vado ad acquistare anch'io,sembra bellissimo!!! grazie!! uon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Ciao Carmen, grazie per questa segnalazione! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  21. che bel libro deve essere...mi hai incuriosita parecchio, segno il titolo...grazie per questi suggerimenti che ci dai sempre.
    baci baci

    RispondiElimina
  22. ah dimenticavo...io lavoro con la macchina da cucire e devo confermare che è vero, passa il tempo, ti distrai, fai delle creazioni...è molto utile per tante cose!

    RispondiElimina

Grazie a tutte le persone che mi vorranno lasciare un loro pensiero, risponderò a tutti sotto il post!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...