venerdì 13 settembre 2013

Storie di donne (libri letti di recente)




Catherine Dunne: La grande amica
Catherine Dunne è un'insegnante e scrittrice irlandese che amo molto, ha scritto numerosi romanzi e mi sembra di ricordare che abbia iniziato a scrivere dopo la morte del suo secondo figlio. Ho letto, credo  tutti i suoi libri tradotti in italiano,  mi piace come scrive, la delicatezza con cui descrive i personaggi con le loro emozioni e sentimenti, senza criticarne gli errori ma con uno sguardo di affettuoso rispetto ... In questo libro, molto piccolo rispetto i precedenti, narra una storia di adolescenti alle prese con i primi amori e con la voglia di staccarsi dalle pesanti costrizioni familiari..è  una storia di amicizia fra ragazze, ma anche di sofferenza e di crescita...Breve ma bello!

"Due amiche. Un'estate. Un inganno. Quando Miriam parte per la sua prima esperienza via da casa, un lavoro estivo in un albergo sul mare, crede di allontanarsi solo di pochi chilometri. Ma Marie-Thérèse, con cui condividerà una stanza, il lavoro e le sue prime avventure "da adulta", la condurrà molto più lontano dalla sua vecchia vita, e da se stessa. Di qualche anno più grande, bella, disinvolta, infinitamente più esperta, diventa la sua guida, la sua alleata, in poche parole la sua prima, vera migliore amica. Da un'inattesa serata al pub a un'indimenticabile vacanza in Cinquecento, Miriam spiega finalmente le ali. Ma volare significa anche poter cadere... Con uno sguardo delicato e profondo, Catherine Dunne trasfigura la storia di due ragazze in un ritratto dell'adolescenza e dei sentimenti struggenti e cangianti che la nutrono. Un racconto senza tempo sull'amicizia e sul cambiamento, sull'abbandono e sul ricordo."





Di Maristella Lippolis   Una furtiva lacrima

"Bianca ha ottant’anni e sta perdendo la memoria. Ha preso l’abitudine di scrivere su un quaderno quello che accade nelle sue giornate, per essere sicura di ricordare. Non ha altra compagnia che la sua gatta, mentre l’ennesima badante che vive con lei è una presenza minacciosa e inquietante, che la fa soffrire. Ma riuscirà a liberarsene presto, come è già successo con quelle che l’hanno preceduta. Perché Bianca non sopporta di non essere più padrona in casa propria, di dover sottostare a regole che qualcuno le ha imposto e di cui non capisce il senso. Lei che un tempo non aveva bisogno di nessuno, che ha cresciuto una figlia da sola (già, sua figlia: dovrebbe chiamarsi Irene, le sembra di ricordare) e ha mandato avanti con successo e passione la sua merceria. Ma la memoria le tende trappole continue: alcuni ricordi sembrano scivolare via come acqua tra le pietre, altri invece non smettono di ossessionarla, e le pongono domande a cui non sa, o forse, in fondo, non vuole rispondere: cosa è accaduto alla sorella Olga? E al marito Bruno, misteriosamente ucciso una notte di oltre quarant’anni prima? E perché sua figlia non vive più con lei? Realtà, sogno e fantasia sembrano mescolarsi continuamente. Finché anche le verità più nascoste riemergono dal passato, insieme a una notte che neanche la luna ha voluto rendere meno nera. Verità taciute a lungo, ma che pur nell’ombra hanno continuato a dare forma ai giorni, e che aspettavano di essere svelate, per poter mettere ordine nella vita che è stata e in quella che resta da vivere."




Non conoscevo affatto questa scrittrice e, devo essere sincera, sono stata attratta dalla copertina!
Pensavo fosse una storia di gatti e, in effetti, una gatta c'è..e anche se non è proprio la protagonista, è comunque importante nell'economia del racconto...Se volete leggere una storia toccante senza essere melensa e profondamente  attuale ( parla dell'invecchiamento e della solitudine delle persone anziane ma non solo..) e con un pizzico di mistero.. ve lo consiglio... a me è piaciuto, anche se ho fatto un po' fatica a seguire l'alternarsi delle vicende legate al passato con quelle della situazione presente..Ma io leggo soprattutto la sera tardi (quando sono un po' stanca e quindi sono scusata!!)

11 commenti:

  1. Neanche io conoscevo l'autrice e grazie per questa presentazione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Il secondo libro mi attira molto.

    Lo leggerò sicuramente.

    Bacione

    RispondiElimina
  3. cara Carmen ti auguro buona lettura!
    E buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. ciao bilibi, grazie per le belle recensioni, il secondo mi attira molto dalla trama,mi sono immedesimata nella protagonista, ciao grazie buon week end a presto rosa.) baci

    RispondiElimina
  5. Il secondo mi affascina in modo strano.....
    Un baciotto e buona domenica.
    Cinzia

    RispondiElimina
  6. Interessanti presentazioni, ciao e grazie

    RispondiElimina
  7. Anche io adoro i libri di Catherine Dunne! Questo però mi manca... devo recuperarlo :D

    RispondiElimina
  8. Cara Carmen, apprezzo sempre le recensioni dei libri perché sono un'accanita lettrice.
    La Dunne la conosco, mentre l'altra autrice no.
    Io sto invece alternando letture di vario genere: classici, fantascienza, moderni, premi letterari...

    RispondiElimina
  9. ti dirò,il secondo libro,anche su di me ha fatto lo stesso effetto.
    Ma leggendoti,mi son resa conto che non c'entra nulla.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  10. Grazie per le segnalazioni e grazie per la tua visita.
    Mi fa sempre tanto piacere leggerti!

    Buona domenica ^^

    RispondiElimina
  11. Mi hai dato una grande idea! Devo regalare un libro a una quindicenne e "La grande amica" mi sembra azzeccato. Giorni fa, alla Mondatori, ho trovato finalmente, Cupcake Club lo avevi segnalato tu in uno dei tuoi post precedenti. Avevo bisogno di una lettura diversa e devo dire che lo trovo carino. Grazie! Buona serata Ciao!

    RispondiElimina

Grazie a tutte le persone che mi vorranno lasciare un loro pensiero, risponderò a tutti sotto il post!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...