domenica 7 settembre 2014

Per ogni lettera un libro




Partecipo anch'io a questo simpatico gioco
essendo stata "nominata" da
Fiore di collina:
 le mie lettere sono  A C P S, 
 ed ecco i libri che ho scelto:




A come Amleto di W. Shakesperare
Certamente tutti conosciamo, almeno di vista, questo personaggio e la sua più famosa battuta
"Essere o non essere", ma chi è veramente questo principe danese, interpretato da secoli sui palcoscenici di tutto il mondo? Per comprenderlo bisognerebbe leggerne con attenzione
 il testo, possibilmente nella lingua originale, cosa per me impossibile, e allora mi sono
 "accontentata" si fa per dire, della traduzione di Eugenio Montale!
Il suo dramma, come quello di molti altri personaggi shakespeariani, continua ad
affascinare perché è  "il dramma dell'uomo, di tutti noi e delle nostre insicurezze,
delle nostre paure e dei nostri  rimpianti. Dei nostri dubbi e dell'unica certezza della morte."
Leggere un testo scritto per il Teatro è stato per me insolito ma piacevole... un po' come
se i personaggi recitassero in un teatro interiore e soltanto per me!
Gli altri 3 libri li ho letti tempo fa e sono:

C come Cent'anni di solitudine
di Gabriel García Marquez
Cent'anni di solitudine è un romanzo del Premio Nobel colombiano G.García Marquez, 
recentemente scomparso, ed è considerato tra le opere più significative della letteratura 
del Novecento. Narra la storia di sette generazioni della famiglia Buendía, 
nell'immaginaria cittadina caraibica di Macondo. 


P come Papà Goriot
di Honorè de Balzac
Pubblicato nel 1835 è considerato il capolavoro di Balzac e fa parte della raccolta 
"Scene di vita privata" e del più ampio ciclo de "La Commedia Umana". 
Protagonista è un vecchio pastaio ormai in pensione; egli  vive unicamente per
 le sue figlie, due creature avide ed egoiste, che ha innalzato ad un grado sociale
 superiore al suo con enormi sacrifici..morirà in miseria e abbandonato da tutti, 
confortato solo dal giovane Eugène. Nel narrare le vicende dei personaggi Balzac
 descrive e critica la società parigina del suo tempo, dominata dalla cupidigia e 
dall'arrivismo.

S come Siddharta
di Hermann Hess

Scritto in Germania nel 1922 questo libro non fu accolto con entusiasmo e venne
 messo al bando durante la dittatura nazista. Dal secondo dopoguerra ad oggi invece
 il suo successo è ininterrotto.
Romanzo di formazione, narra le vicende di Siddharta, colui che cerca e del
 suo l'amico fraterno Govinda., passando attraverso varie esperienze e superando 
diverse difficoltà arriverà all'illuminazione. 
Dalla quarta di copertina:
"Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. 
Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione
 filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva
 nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste
 di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto
 sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno,
 forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso
 l'aveva visto centinaia di volte con venerazione".
 Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo
 di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti
 in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo,
 i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore
 moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola
 romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori
 non incontravano altrove."

Per chi volesse continuare questo gioco, le lettere che suggerisco sono:
B  R  T  V
Buona lettura e buon divertimento!

9 commenti:

  1. Mi fa molto piacere che tu abbia proseguito
    il gioco dei libri molto interessanti i titoli da te proposti .molto classici . Mi pare averne letto qualcuno ai tempi scolastici.
    buon proseguo e buona lettura

    RispondiElimina
  2. Ciao Carmen...che belli i libri proposti....mia figlia è una lettrice accanita....come stai? Ti ho scritto una mail dove ti mandavo i miei saluti....bacioni e buona notte:)

    RispondiElimina
  3. Bellissimo questo post e complimenti per le tue letture!
    Baci Federica

    RispondiElimina
  4. Simpatica iniziativa...io ho letto "Sogno di una notte di mezza estate", "Siddharta" e "Cent'anni di solitudine": tutti e tre bellissimi!

    RispondiElimina
  5. Ciao Carmen, hai scelto proprio 4 bei classici. =)
    Dani

    RispondiElimina
  6. Ciao Carmen!! Bellissima scelta!! Quest'estate ho riletto con piacere "Cent'anni di solitudine", Buona serata!!!
    Carmela e Davide

    RispondiElimina
  7. Ciao Carmen , complimenti per le tue letture !! Io fra questi ho letto Cent'anni di solitudine e mi è piaciuto moltissimo ....Un bacione grande grande .Mirtilla

    RispondiElimina
  8. Ciao Carmen, interessante come sempre scoprire gli interessi. Come va? Un abbraccio e buona settimana. NI

    RispondiElimina

Un grazie di cuore a tutti coloro che mi leggeranno e vorranno lasciarmi un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...