sabato 18 settembre 2010

Lane riciclate

Avevo incominciato a disfare un po'di tempo fa ma poi, a causa del caldo e della poca voglia, avevo piantato lì tutto, ma poi mi sono messa di buona lena! Così, dopo aver finito un maglioncino sono passata all'altro, ben più "rognoso" perchè di lana pelosetta..










Fatte le matasse, lavate delicatamente con lo shampoo, le ho lasciate in ammollo con un po' di balsamo e poi, una volta sciacquate, appese ad asciugare










Per avvolgere i gomitoli al meglio, da quando l'ho scoperto, uso questo metodo. In questo modo è possibile ottenere dei gomitoli di aspetto omogeneo e facili da tenere in ordine. Eccoli qua pronti per essere di nuovo lavorati! La lana mohair non è uscita indenne da tutti questi "traumi" poverina..vedremo cosa farne





Naturalmente con la lana recuperata è facile trovarsi di fronte alla necessità di dover unire il filo in più punti. Ci sono molti modi per non avere il nuovo capo costellato da un'infinità di nodi..uno è quello di fare la giunzione all'ìinizio del ferro e nasconderla  nelle cuciture, ma non sempre è possibile. Questo è un modo efficace ed esteticamente valido, guardate il video nella pagina. Anche qui trovate utili suggerimenti (in inglese però ci sono le foto ) per recuperare la lana da vecchi indumenti, comunque più o meno il procedimento è quello! Certo, ci vuole tempo e pazienza, ma ne vale la pena!







36 commenti:

  1. Brava, anche io riciclo e cerco di far convertire più gente possibile...è dura ma con i tempi che corrono forse qualcosa di positivo esce fuori.
    A presto,
    Heidi

    RispondiElimina
  2. Un applauso alla grande pazienza che hai avuto nello scucire, ridurre in matasse prima e in gomitoli poi quella bella lana...come ha detto qualcuno "lavorare a maglia è molto ecologico" :) Sai già cosa farai?
    I panini mi tentano molto, soprattutto perchè mio marito ama molto l'uvetta (la vorrebbe praticamente ovunque!)...proverò!
    Buon weekend :)

    RispondiElimina
  3. @Heidi: grazie! Riciclare oggi è un dovere e un'opportunità..se non vogliamo finire sepolti dai nostri stessi rifiuti!! Un bacio e buon w.e.

    @Tzugumi; penso di fare un golfino semplicissimo e poi una sciarpa con la lana mohair, anche se ha perso un po'il pelo..i panini sono buonissimi, devono essere ben cotti e croccanti esternamente e morbidi all'interno! Ciao e buon w.e. a te

    RispondiElimina
  4. Brava! Anche io avevo visto quel sistema per fare i gomitoli, ma poi non l'ho mai provato.Grazie per avermelo ricordato!

    RispondiElimina
  5. Ciao Carmen, adesso i gomitoli sono diventati belli nuovi e profumati, merito della tanta pazienza che ci hai messo in tutte le fasi.
    Una bella lana così era un peccato buttarla,
    aspetto anch'io i tuoi progetti.
    Che voglia quei panini con l'uvetta!
    Buona giornata Gabry

    RispondiElimina
  6. Che belli i tuoi pani con l'uva... E chissà che buoni ^___*

    E grazie per le dritte ^___^
    Buon fine settimana....
    Dona

    RispondiElimina
  7. ciao hai recuperare la lana è cosa buona a me disfare un lavoro a maglia distende lo faccio quando sono nervosa se poi mangio un tuo panino
    che meraviglia||||||Gio

    RispondiElimina
  8. complimenti e stima per la pazienza con cui hai sistemato tutta la lana!!!
    a presto e passa un buon weekend!
    Lisa

    RispondiElimina
  9. Grazie per l'informazione come ormai tutti sanno non si finisce mai di imparare
    mari

    RispondiElimina
  10. sei fantasticaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ciaoo!! Che bei colori quella lana!! Sono curiosa di vedere cosa ne farai ^_^
    il pane..sono siura che sia buono, anche se a me non piace l'uvetta :)
    a prestoo!!
    fede

    RispondiElimina
  12. Complimenti per la pazienza! Però penso che ne sia valsa la pena perchè la lana è molto bella.
    Potrei avere la ricettina dei panini....mi hanno fatto venire un appetito!!!
    grazie
    Franca

    RispondiElimina
  13. Grazie per i suggerimenti Carmen, ho proprio due maglioni che vorrei disfare. Ti chiedo qualche consiglio. I miei sono maglioni comprati e non fatti a mano, posso usare lo stesso questo procedimento? da dove inizio a disfarlo? scusa le domande sciocche...ma non so proprio da dove iniziare ^^
    poi una cosa che non c'entra niente: mi piacerebbe fare una sorta di scalda collo da un maglione, con la parte del busto, senza disfarlo del tutto insomma. ma come posso procedere senza rovinare tutto? e poi come fermo i punti che rimangono liberi?
    grazie mille cara
    un bacione

    RispondiElimina
  14. @Un'idea nelle mani: è un buon sistema, ciao!

    @Gabry: grazie! Buon w.e.un bacione

    @Dona: te ne offrirei volentieri qualcuno!!

    @Gio': grazie, ce n'è anche per te!!

    @Dragonfly: grazie Lisa! Buon w.e. a te!

    @Mary: vero, parole sante! Un bacione

    @Federica: ma grazzzzie!! Un bacione anche a te!

    @Fede: Ciao bella, buon w.e.!!

    @Franca: il pane lo faccio ad "occhio" ma puoi trovare una ricetta anche sulla bustina del lievito MastroFornaio o simile. Alla ricetta base ho solo aggiunto l'uvetta! Però per il pane bisogna fare un po' di pratica, non sempre esce bene anche con la ricetta! E' importante la lievitazione ed anche la cottura, dipende anche dal tipo di forno..

    @Giuliedda: ti rispondo via mail

    RispondiElimina
  15. Adesso sono curiosa di vedere cosa realizzerai con questa lana!!!Che bontà i panini!!!!che brava ...sembra il pane del fornaio!!!!Ciao Carmen,buon we!!!!!Un Kissssss lanoso!!!!!Liza.

    RispondiElimina
  16. Grazie! Io ci provo, vediamo cosa mi viene fuori.
    Franca

    RispondiElimina
  17. che meraviglia di lana!!!ma soprattutto che delizia per gli occhi(purtroppo le foto non sono ancora arrivata a mangiarle!)quei bei panini con l'uvetta,fai conto che li ho già mangiati tutti!un salutone.Giulia

    RispondiElimina
  18. Sei un prodigio di pazienza, io ho da anni un cardigan di cachemire (non ricordo se si scrive così)che è stato visitato dalle tarme in qualche punto, e dopo il primo buco che ho fatto nello scucirlo non ho il coraggio di continuare, e non mi sento di infeltrirlo, mi piangerebbe il cuore, ricordo ancora il costo della lana!Ma visto come hai recuperato tutto mi fai venire voglia di provare.
    Per i panini all'uva accetto volentieri....devono essere buonissimi.
    Aspetto di vedere cosa farai con lana dai colori così belli.

    RispondiElimina
  19. @Liza: ciao bella, sai che a me piace tantissimo impastare il pane e mi esce pure bene, tanto che mi regalavano la macchina ma io non l'ho voluta..che divertimento c'è, se fa tutto lei?

    @Franca: Brava! Bisogna provare e non scoraggiarsi e poi è una soddisfazione!

    @Giulia: sono contenta che hai apprezzato i panini!

    @Silvia: no, no..con calma devi disfare..magari fai un po' alla volta. Per le cuciture ci vuole molta attenzione e buona vista..io che adesso sono un po'cecata, uso una lente d'ingrandimento che ho fissato con un morsetto al mio piano di lavoro, è molto utile!

    RispondiElimina
  20. Bravissima e che lavoro di pazienza :o))
    Buon sferruzzamento e buon sabato
    cri

    RispondiElimina
  21. Che pazienza..... però alla fine ci si sente fieri vero? Io è da parecchio che non lavoro a maglia, ogni tanto mi viene la voglia ma poi passa...
    Che acquolina in bocca mi hai fatto venire con quel pane, deve essere meraviglioso.
    Bacioni
    Elsa

    RispondiElimina
  22. @Cri: Grazie e buona domenica a te!

    @Elsa: Ciao bella, te ne offro volentieri un po', almeno virtualmente!

    RispondiElimina
  23. Grandiosa l'idea per recuperare la lana!!! E gustosa l'idea del panino all'uva.. slurp!! Mi sto leccando i baffi ( che non ho)!! Ho l'acquolina!!!^_^

    RispondiElimina
  24. I gomitoli sono come nuovi, quando li compri!!! geniale!!! Il pane all'uva m'ispira un sacco, credo proprio che lo proverò!!

    RispondiElimina
  25. Odio disfare i maglioni vecchi, magari un po' infeltriti, ma poi mi armo di santa pazienza e lo faccio, ne escono cose davvero fantastiche. Mi piace trasformare cose vecchie in nuove.
    Che buoni i panini con l'uva!!!
    ciao Grazia

    RispondiElimina
  26. Ma che brava che sei!!! Hai riportato la lana come nuova!!! Che pazienza, i miei complimenti!!
    Il pane poi ha un aspetto.................Sarà sicuramente molto buono!!
    Ti abbraccio fantastica!
    Francy

    RispondiElimina
  27. brava, così puoi creare nuovi capi......bella l'idea per fare i gomitoli.......

    RispondiElimina
  28. Carmen questo post è una miniera di utili informazioni. Io ho imparato a "rinnovare" la lana, proprio come fai tu, dalla mia nonna che era una grande appassionata di lavoro a maglia e mi ha insegnato tutto quello che so. Non conoscevo l'utilissimo metodo di riavvolgimento del gomitolo: FANTASTICO, SEMBRA NUOVO!!
    Mi hai fatto venir voglia di lavorare di nuovo... ho smesso alcuni anni fa perchè non riuscivo più ad indossare nulla di lana: troppo caldo a scuola!!
    Ma ora...
    Buona domenica.
    Sandra

    RispondiElimina
  29. Grazie Carmen! Accetto volentieri un pò del tuo bel pane! Buonissimo! Io adoro il pane all'uvetta :-) Comunque, venendo alla lana devo dire che hai fatto un grande lavoro di riciclo!! Il colore ed il tipo sono molto belli. Attendo di vederne cosa ne farai :-) Ho avuto un pò di problemi ad aprire i link (causa mia connessione lenta..), ma ci voglio riprovare!
    ciao.
    Anto.

    RispondiElimina
  30. Che belle le lane e che colori!!!..Sono i miei preferiti
    Buona Domenica!!!
    un baciotto!!!
    Denny*

    RispondiElimina
  31. Caspita Carmen..quanta pazienza!!Sei stata bravissimaaa!!In compenso però il risultato è stato straordinario..da lasciare senza parole!!!BRAVAAAA!!!!!Bacione grandissimo,buona domenica Carmen! :)

    RispondiElimina
  32. volevo solo dirti grazie.Mi spiace per la tua perdita,non ho parole...

    RispondiElimina
  33. @Titty: ciao bella, grazie!

    @Alessandra: provalo, è molto buono!

    @Grazia: fai molto bene a riciclare, bravissima!

    @Francy: ciao bella, un bacio!

    @Andreina: sì, è una buona idea, semplice ma efficace!

    @Sandra: ciao, anch'io soffro il caldo ora e preferisco golf aperti..e così disfo i maglioni!

    @Anto: ciao bella, penso di fare un golfino semplicissimo ed una sciarpa o scaldacollo..

    @Danny: ciao carissima! Un bacio

    @Shiri: Un bacione a te!

    @Lu: grazie a te! Un bacio grande..

    RispondiElimina
  34. Io sono una grande riciclatrice di lana da sempre, avendo imparato da mia mamma e da mia nonna, che usavano il tuo stesso metodo. Hai ragione, l'inconveniente peggiore sono i nodi, ma con un po' di pazienza...
    Mariagrazia

    RispondiElimina
  35. che brava e che pazienza....
    mmme i panini con l'uva?...mi sembra di sentirne il profumo....
    un abbraccio.
    bimbaiaia.

    RispondiElimina
  36. @Mariagrazia: sono contenta di sapere che ci sono tante riciclatrici di lana, buona serata!

    @Raffy: ciao cara, offro volentieri qualche panino anche a te!

    RispondiElimina

Un grazie di cuore a tutti coloro che mi leggeranno e vorranno lasciarmi un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...