mercoledì 29 agosto 2012

Flastrocche della mia infanzia (in dialetto bergamasco)

La vulcanica Alex - Topogina ne ha inventata un'altra.. per il suo Linky Party di questa settimana ha scelto un tema particolare: i dialetti! Così, dopo aver riflettuto un po', ho pensato ad alcune piccole filastrocche che recitavo da bambina..la difficoltà però è nella scrittura perché nel mio dialetto ci sono alcuni suoni che non corrispondono alle vocali in italiano..speriamo bene!

                                                                                     



Gh'éra öna ölta                                      C'era una volta

Gh'era öna ölta                                                          C'era una volta
Piero se ölta                                                               Piero si volta
Cade la scopa                                                           Cade la scopa
Piero al se copa                                                        Piero si ammazza                                                                                     

(In realtà scopa in dialetto si dice "scüa" ma è in italiano per la rima)



Panigaröla                                                   Lucciola

Panigaröla, vé a bass                                               Lucciola vieni giù
Che te darò pa 'n del lacc,                                       Che ti darò pane e latte  
Che te darò pa 'n del vì,                                            che ti darò pane e vino
Panigaröla, vé a bassì.                                             Lucciola vieni vicino
                                 



Caterina                                                        Caterina
Caterina di corài                                                          Caterina dei coralli
Lea sö che al canta i gai                                            Alzati che cantani i galli 
Al canta i gai co la galina                                           Cantano i galli con la gallina
Lèa sö che l'è matina                                                  Alzati che è mattina



Ögi bèl                                                           Occhietto bello 

ögi bèl, so fradèl                                                         occhietto bello, suo fratello
oregina bèla, so sorèla                                              orecchina bella, sua sorella
cesina di frà, campanelì de sunà                             chiesina dei frati, campanellina da suonare.

(mentre si canta la filastrocca la mamma indica toccando delicatamente gli occhi, le orecchie ,la bocca ed infine il naso del bimbo)




Santa Lösea                 
(che da noi tradizionalmente porta i doni ai bambini)

Santa Lösea, mama méa                                         
Co' la borsa del papà                                                
Santa Löséa la égnerà                                             
La égnera söl mé balcù 
                                                        a portàm ü bel türü                                                                      

Santa Lucia

Santa Lucia, mamma mia
Con la borsa del papà
Santa Lucia verrà
Verrà sul mio balcone
A portarmi un bel torrone.

                       
Con queste filastrocche partecipo al Linky Party n. 24  "Ho un Dialetto per Capello!




19 commenti:

  1. Ciao!Ma dai che belle!!!!Ci sto pensando anch'io.....questo linky party e' un'idea fantastica!!!!Adesso mi vado a leggere tutti i post che mi sono persa!!!Bacioni Micol

    RispondiElimina
  2. Le so tutte!
    Sono state anche le filastrocche della mia infanzia...nella stessa lingua :-)

    RispondiElimina
  3. è troppo carina l'idea di questo Linky party,anche io voglio postare una filastrocca sarda!Poi mi diverto a leggere le altre cercando di capirle prima di leggere la traduzione!

    RispondiElimina
  4. Che bella questa iniziativa! Le tue filastrocche sono simpaticissime, sarebbe un peccato perdere traccia di queste meraviglie della nostra infanzia.
    Mariagrazia

    RispondiElimina
  5. WOW, non si capisce niente! Ehehehehe sarebbe bello se ci fosse l'audio, adooooro i dialetti!

    RispondiElimina
  6. alcune le conoscevo già....da bambina ho sempre fatto due mesi di vacanze nelle valli bergamasche (eh, eh,eh)

    RispondiElimina
  7. Una gran bella iniziativa! Meno male che hai messo la traduzione!

    RispondiElimina
  8. Bellissime! Adoro! La filastrocca dei begli occhi la conoscevo, in italiano però: la cantavo sempre ai miei figli, in una versione appena un po' più lunga. E' così che hanno imparato i nomi delle parti del loro visetto. Comunque ho notato che sono tutte comprensibilissime!
    Carmen

    RispondiElimina
  9. Ma che carine! Noi non ne abbiamo moltissime e i miei hanno preferito insegnarmi prima l'italiano, quindi le uniche filastrocche che mi vengono in mente non sono dialettali...
    Baci baci

    RispondiElimina
  10. Meravigliose, non le conoscevo, ma isuoni del dialetto mi sono abbastanza familiari perchè avevo una zia di Crespi d' Adda.
    Ricordi d' infanzia, quando mio zio ci presentò la fidanzata, una bella ragazza bionda, occhi azzurri e accento " forestiero". Ero una bimbetta, ma la ricordo benissimo, insieme alle richieste di parlarmi nel suo dialetto. Conservo l'impressione che ci siano suoni simili alla lingua francese. Baci.

    RispondiElimina
  11. "C'era una volta" e "occhietto bello" ci sono anche nella traduzione veneta :o) Alex stavolta ha trovato proprio un bell'argomento :o) Notte notte!

    RispondiElimina
  12. Qualcuna la conosco e riesco anche a leggerle in dialetto....mio papà era bergamasco e ögì bèl era una di quelle che mi recitava spesso da bambina. Eh! Che bei ricordi!

    RispondiElimina
  13. ciao
    ma che belle queste filastrocche. Sai su Piero c'è ne una anche qua a Cremona però cade nella sporta cioè nella borsa. Anche su Santa Lucia ce ne una simile.

    RispondiElimina
  14. certo che se non c'era la traduzione e chi le capiva! PS vengo dal Linky Party a cui ho partecipato anche io!

    RispondiElimina
  15. Tutte, tranne l'ultima, anche nel mio dialetto (Modena) con qualche leggera differenza, penso per ragioni di rima. Me le ha insegnate la nonna.

    RispondiElimina
  16. Carmen, sono proprio carine le tue filastrocche e, a parte qualche parola un po' "ostrogota", le ho anche capite senza ricorrere alla traduzione.
    Ciao!

    RispondiElimina
  17. Vengo ora dal Link Party by Topogina dove, con grande piacere, ti ho votata.

    RispondiElimina
  18. Molto belle le filastrocche ed anche le foto con cui le hai accompagnate! Ho tentato di leggerle in dialetto, ma ci sono riuscita solo in parte...alcune parole sono proprio incomprensibili per i non bergamaschi. Quella dolce filastrocca sugli occhi, naso e bocca è l'unica che sapevo, molto simile, nella versione "italiana". Complimenti, anche per la bravura che hai dimostrato nello scrivere in dialetto. Ciao!

    RispondiElimina
  19. Ciao Carmen,

    che belle leggerle queste filastorcche.

    Che bello passare a trovarti! ;)

    Un abbraccio grande!!! Kissssss. ;) NI

    RispondiElimina

Grazie a tutte le persone che mi vorranno lasciare un loro pensiero, risponderò a tutti sotto il post!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...